Archivi tag: cucina bilingue

La Torta di fecola. La Torta de fécula de patata.

La Torta di fecola. La Torta de fécula de patata.

Un’ottima torta per tutti! La Torta di fecola. E quando dico “per tutti”, intendo anche per coloro che devono scegliere per la loro salute cosa mangiare e cosa no. Questa antica ricetta che sto per presentarvi, per gli ingredienti con cui è fatta, si addice anche a chi soffre di celiachia, per esempio. Infatti, l’ingrediente principale è la fecola di patate, non la farina, e questo permette di gustare un dolce davvero squisito anche a chi altrimenti non se lo potrebbe permettere. È di semplice preparazione e veloce da realizzare, caratteristiche che lo rendono ancora più apprezzabile.
Questo per dire che andando a ricercare nel patrimonio dei nostri ricettari famigliari, possiamo riscoprire dolci che sono attualissimi, che rispondono anche a nuove esigenze alimentari che nei tempi andati non si manifestavano. Continua a leggere

Il Rotolo con prugne. El Rollo con ciruelas pasas

Il Rotolo con prugne. El Rollo con ciruelas pasas

Quella che sto per presentarvi è una ricetta tradizionale delle nostre case, dove la fantasia delle nostre nonne e delle nostre madri si traduceva in una grande abilità per rendere un dolce, oltre che gustoso, esteticamente bello da vedere. Gesti che vengono spontanei nell’atmosfera della quotidianità casalinga, e che improvvisamente aprono a visioni nuove delle “solite cose”. È esattamente questa la sensazione che ho provato quando ho realizzato… il Rotolo con le prugne.
È una di quelle ricette che dovete affrontare avendo del tempo davanti, perché, come per tutti gli impasti che richiedono una lievitazione, non dovete avere fretta a portare avanti le varie fasi di preparazione, concedendovi il giusto tempo, magari alternando una lavorazione ad altri impegni casalinghi. Continua a leggere

I Croccantini alle nocciole. Los Crujientes con avellanas

I Croccantini alle nocciole. Los Crujientes con avellanas

Continuiamo la nostra ricerca dei dolci della tradizione famigliare che hanno alla base prodotti dell’autunno già iniziato.
La natura ci dà frutti per ogni stagione e le nocciole sono tipiche di questo mese di ottobre che si affaccia tra pochi giorni. Ottimo frutto per le proprietà che contiene e, un tempo, consueto sulle tavole delle famiglie, specie in quelle zone dove i noccioli crescevano spontaneamente. La ricetta che vi presento è semplicissima. Vi permette, oltre a valorizzare un frutto stagionale così buono, di utilizzare al meglio anche gli avanzi che, magari, avete nel frigorifero, perché non avete utilizzato per intero gli ingredienti di una torta o di un dolce che avete preparato in precedenza. Continua a leggere

Il Rotolo dolce. El Rollo dulce.

Il Rotolo dolce. El Rollo dulce.

L’estate è inesorabilmente terminata. Giusto oggi, giorno in cui Dolciconme riprende le sue pubblicazioni, è la vigilia del solstizio d’autunno. Chiudiamo un’altro momento della nostra vita e passiamo ad uno nuovo. Nel caso in cui abbiate bisogno di tirarvi un po’ su per affrontare con vigore la nuova stagione che ci attende e, ancor di più, l’inverno che verrà, ripesco dai ricettari della mia tradizione famigliare, un dolce che ci introduce “soavemente” all’imminente autunno, facendoci assaggiare i suoi primi frutti. Sto parlando in specifico del Rotolo dolce. Potrebbe sembrare uno strudel, ma non lo è. Diverso è l’impasto anche se in parte sono simili gli ingredienti. E poi, per dirvela tutta, non mi è venuto nella forma proprio come un rotolo, ma vi dirò nel corso dell’illustrazione della ricetta quale è stato l’errore che ho commesso. Continua a leggere

La Crema di amaretti. La Crema con “amaretti”.

La Crema di amaretti. La Crema con “amaretti”.

Un’ottima crema per un’ottima estate! Almeno è quello che ci auguriamo. La crema di amaretti, un dolce fresco in questa stagione estiva oramai conclamata. La ricetta è recuperata da un vecchio libro ereditato da mia madre. Semplice da fare e decisamente gradevole. Da offrire agli ospiti di una cena organizzata all’ultimo momento. Infatti, ci vuole poco tempo per prepararla e, direi, ancora meno per gustarla! Continua a leggere

Le ciambelle rustiche al vino. Las rosquitas rústicas con vino.

Le ciambelle rustiche al vino. Las rosquitas rústicas con vino.

Quelle che vi presento sono davvero delle ciambelle classicissime. Una ricetta proveniente direttamente dalla tradizione contadina, con pochi ingredienti, tutti frutto della terra e della semplicità di una vita quotidiana di famiglia, di tempi lontani quando, lì per lì, si decideva di preparare un dolce per i bambini e lo si faceva in quattro e quattrotto, tra una faccenda casalinga e l’altra. Spesso si preparavano per la merenda, per dare ai piccoli di casa un cibo sano e nutriente. Questa ricetta è particolarmente adatta per chi non ha molto tempo per cucinare, ma può preparare tra un impegno e l’altro, un dolce gustoso e semplice, valorizzando quegli ingredienti che di solito si trovano sempre in una cucina, anche se non si è fatta la spesa di recente. Continua a leggere

La Pinza della Rosina. La “pinza” de la señora Rosina.

La Pinza della Rosina. La “pinza” de la señora Rosina.

La “pinza” è un famoso dolce di origine veneta. E questo senza dubbio mi ricollega alla tradizione di mia madre. Tuttavia, tra le molte ricette che ho trovato sulla rete, quella che vi presento è quanto meno “diversa”. L’ho ripresa da un libro di ricette di mia madre, appunto, e ha attratto la mia attenzione perché, come avete già avuto modo di conoscere, il mio approccio ai dolci privilegia quelli in cui si assemblano tutti gli ingredienti in una volta, non si lavorano troppo, e l’impasto è subito pronto da infornare. Insomma, in tre mosse avete preparato una splendida torta, adatta, oltre che per un dessert, per una buona colazione! Rispetto ad altre ricette, la pinza che vi propongo è più asciutta ed è un dolce poco zuccherato. Infatti, la dolcezza è data soprattutto dalla frutta secca e dalle mele….Alla fine una torta sana e genuina! Continua a leggere

La Torta “brioche”.

La Torta “brioche”.

Questa è una torta che va preparata in un giorno in cui avete tutto il tempo per voi. Siete tranquilli a casa, padroni della vostra giornata e vi potete permettere di far trascorrere le ore senza fretta. Si chiama “Torta brioche” perché, se pensate all’impasto della brioche, richiede un processo di lievitazione con tempi lunghi e modalità per svilupparsi e arrivare al suo punto. Anche questa è una Torta che si perde nella memoria delle tradizioni famigliari e, vi assicuro, è un’ottimo dolce. Certo, dovete avere la pazienza – e il piacere – di lasciarvi cullare dal tempo che scorre, necessario per una giusta lievitazione dell’impasto. Ma la soddisfazione sarà tanta, sia per il risultato che per il palato! Continua a leggere

Buona Pasqua con il Biscotto giallo mandorlato! ¡Feliz Pascua con la Galleta de almendra amarilla!

Buona Pasqua con il Biscotto giallo mandorlato! ¡Feliz Pascua con la Galleta de almendra amarilla!

Una ricetta rustica, gustosa, da un’antica tradizione, per una Pasqua diversa. È così che quest’anno vi faccio i miei migliori auguri per la nuova primavera che avanza e che porta rinnovata forza e vitalità.
Il Biscotto giallo mandorlato! Un dolce che ha molti ingredienti, ma la cui lavorazione è semplice e veloce. Perciò se volete portare sulle vostre tavole un dessert inconsueto per una festa tradizionale come la Pasqua, questa è la ricetta per voi. Non si tratta di “biscotti”, ma di un “grande biscotto” aromatizzato dalle mandorle, dalla buccia di limone, dal liquore. Insomma, mi sembra che si possa dire che è una bella alternativa ai dolci tradizionali pasquali. Continua a leggere

La Torta della zia Gianna. La Torta de la tía Juana.

La Torta della zia Gianna. La Torta de la tía Juana.

Credo che quasi nessuno possa dire di non avere avuto una zia che arrivava a casa portando una ricetta‬ che aveva provato, e che voleva condividere con vostra madre e con la vostra famiglia. Una volta, ma credo anche oggi, questo accadeva ed era un piacere scoprire un gusto nuovo, specie se si trattava di dolci‬. La ricetta che vi presento è nata in contesti come questo. Infatti si chiama: la Torta della zia Gianna! Come sempre, una torta veloce, che andrebbe servita accompagnata da una buona crema pasticcera al liquore, magari al rum. Continua a leggere

I Dolcetti della Bettina. Los Dulcecitos de Bettina.

I Dolcetti della Bettina. Los Dulcecitos de Bettina.

Volete dei dolcetti per Carnevale alternativi alle solite “chiacchiere”, “castagnole”, “frappe”? Ecco qua: i Dolcetti della Bettina! Facendo un giro tra le pagine di internet, ho trovato che simili dolci vengono chiamati “Arancini di carnevale”, ma cambiano gli ingredienti. Sta di fatto che la ricetta che sto per presentarvi l’ho recuperata da uno dei libri delle mie zie e, vi assicuro, sono proprio buoni! Ho fatto però una variazione nella cottura. Poiché non mi piacciono i fritti, ho provato a cuocerli in forno. Sono venuti ugualmente buoni. Forse la differenza sta nel fatto che, con la frittura, i Dolcetti restano un po’ più morbidi e “grassi”, mentre con la cottura al forno risultano un po’ più secchi. Comunque sia, ecco qua una ricetta che sono sicura vi piacerà. Continua a leggere

Il Pane datteri e noci. El pan con dátiles y nueces.

Il Pane datteri e noci. El pan con dátiles y nueces.

Quale miglior dolce da preparare se non quello che si fa con la frutta di stagione? Allora, miei cari amici, questa che sto per proporvi è proprio una ricetta che si adatta benissimo alla stagione invernale che stiamo vivendo e, magari, vi consente di riciclare in maniera egregia i datteri che avete avanzato dalle feste natalizie. È un dolce che potete gustare come dessert o, se preferite, offrirlo o mangiarlo per colazione. Sono certa che vi darà energia per tutta la mattinata.
Ecco allora il Pane datteri e noci…direttamente dalla tradizione famigliare. Vediamo subito come prepararlo. Continua a leggere

Le Lingue di Gatto! ¡Las Lenguas de Gato!

Le Lingue di Gatto! ¡Las Lenguas de Gato!

Sono sicura che da qualche parte avrete avanzato degli albumi. Dopo le scorribande tra i cibi più raffinati e curati, consumati avidamente durante le Feste Natalizie, avrete qua e là degli avanzi da smaltire. E allora, poiché è meglio non buttare nulla, perché tutto ha un valore ed è prezioso, ecco una ricetta che vi permette di trasformare le chiare d’uovo scartate in un ottimo dolce, leggero, fragrante e molto adatto per accompagnare dei soavi budini da consumarsi preferibilmente in quest’epoca post cenoni natalizi e di Capodanno. Continua a leggere

A Natale…stupire con Dolci speciali! Il Marmorkuchen di Jenny.

A Natale…stupire con Dolci speciali! Il Marmorkuchen di Jenny.

Per caso, avete pensato di cambiare per questa volta la tradizione natalizia dei vostri dolci? Stavate immaginando qualcosa di nuovo da portare sulle vostre tavole? Stupite i vostri ospiti con…Dolci speciali! Se è così, cari amici, Dolciconme vi propone questa ricetta per un dolce che è tradizionale, ma che proviene dalle tradizioni dei Paesi che si trovano nel cuore dell’Unione Europea: il Lussemburgo e la Germania. La ricetta che vi propongo ce la manda la nostra carissima inviata Rita Rosaclerio che in questo anno ci ha proposto, con la sua rubrica “RECEIPE AROUND”, ricette che provengono dalle tradizioni delle famiglie di differenti Paesi del mondo. Continua a leggere

Aspettando il Natale…I Canestrelli di Cecilia. Esperando la Navidad…”Canestrelli” de Cecilia.

Aspettando il Natale…I Canestrelli di Cecilia. Esperando la Navidad…”Canestrelli” de Cecilia.

Cari amici, aspettando il Natale, vi propongo altri dolcetti originari della tradizione delle famiglie italiane. Dolci fragranti, soffici, dall’aroma accativante. Lo faccio con l’aiuto di Cecilia, la mia giovane amica che ha fatto di questi biscotti la sua specialità. Lei stessa li ha eletti come i dolci tipici della sua famiglia. Dunque, è lei che ci accompagnerà in questo piccolo viaggio ad una nuova esperienza golosa!
Questi biscotti possono essere anche una interessante idea per un regalo di Natale all’insegna della semplicità del “fatto in casa” e della sobrietà. Continua a leggere

Il Dolce bianco e nero. El dulce blanco y negro.

Il Dolce bianco e nero. El dulce blanco y negro.

Tipico dolce tradizionale di molte famiglie. Sí, credo che sia proprio così, perché chi non si ricorda di avere mangiato una bella fetta di torta variegata al gusto di cioccolato e vaniglia?
Ecco, dunque, una riproposta di questa ciambella, ottima per la colazione, ma anche per il dessert di un giorno “qualsiasi”. Ve la presento anche in una versione insolita. Infatti, mi sono detta: perché non utilizzare lo stesso impasto per fare dei piccoli pasticcini veriegati?
Beh, diciamo che il risultato migliore è stata la ciambella, ma non escludo affatto che voi possiate realizzare dei pasticcini molto più raffinati e attraenti di quelli che ho fatto io. Ad ogni modo avrete modo di vedere i due risultati. Continua a leggere

Il Babà russo. El Babà ruso.

Il Babà russo. El Babà ruso.

Sono ad un bivio! Recupero questa vecchia ricetta dal patrimonio materno ereditato e, sinceramente, non so come giustificare questo titolo: Babà russo. In realtà non si tratta di un babà come lo conosciamo in Italia, ricetta tipica della tradizione napoletana. E poi c’è questo aggettivo: “russo”.
Cerco sulla rete e trovo che “nonna” nella lingua russa si dice “bàba”. Inoltre l’impasto che sto per proporvi è simile ad un dolce tradizionale russo che si fa nel periodo natalizio e che somiglia vagamente al panettone italiano. In più la mia ricetta prevede di innaffiare il dolce di rum, una volta cotto. Che sia uno di quei dolci meticciati, a metà tra una ricetta russa e una italiana? Questa – mi dico – è la ricchezza della cucina fatta in casa… Ma giudicherete voi…Quello che è certo, è che si tratta di un buon dolce, da gustare in qualsiasi momento, ma, senza innaffiarlo di rum, è particolarmente adatto per una buona prima colazione o un thé nei tardi pomeriggi autunnali. Continua a leggere

La Torta di mele e ricotta. La Torta de manzana y queso ricota.

La Torta di mele e ricotta. La Torta de manzana y queso ricota.

Mi sono temporaneamente assentata, sospendendo per un po’ di tempo la pubblicazione delle ricette della mia tradizione famigliare. In realtà questo breve periodo di latitanza è servito per continuare a cercare, tra le varie ricette della mia eredità, qualche dolce interessante da proporvi.
Ed ecco qua: trovata una torta che induce una sensazione “pannosa”, ma nello stesso tempo leggera e fresca per una stagione estiva che, oramai, volge al termine. Sto presentandovi la Torta di mele e ricotta. Di fatto una pasta frolla, che ci riporta a contatto con un formaggio fresco, piacevole da gustare specialmente in estate, e, nello stesso tempo, anticipa al palato il sapore del prossimo ed imminente autunno con il gusto delle mele. Continua a leggere

Receipe Around. Ricette dal Mondo: gli Hotteok di Cookie & Jenny

Receipe Around. Ricette dal Mondo: gli Hotteok di Cookie & Jenny

Cookie e Jenny sono i loro nomi inglesi. In realtà si chiamano Chang Koog Lee & Songyi Oh. Sono una coppia che vive in Australia da quattro anni. Entrambi lavorano in un ristorante a Cairns e in questi anni hanno fatto carriera raggiungendo posti di responsabilità. Il dolce che ci presenteranno si chiama HOTTEOK. Gli hotteok sono tipici in tutto il Sud Korea. E’ un dolce di strada che viene mangiato in qualsiasi occasione, specialmente durante il periodo invernale. E’ un cibo adatto a tutti e specialmente i bambini ne vanno matti. Il ripieno può essere fatto in diversi modi, ma quello che ci presenteranno Cookie & Jenny sarà con zucchero e cannella. Continua a leggere

Il Budino di ricotta… al forno. El flan de “ricota” al horno.

Il Budino di ricotta… al forno. El flan de “ricota” al horno.

Questo è uno di quei dolci che ti dà proprio soddisfazione quando lo fai. Già di per sé un “budino” cotto al forno mi sembra un paradosso… e questo è divertente… e poi penso alla facilità dell’esecuzione, all’ottimo risultato sia da vedere che da gustare… In un’estate così calda è quello che ci vuole…stupire con effetti “caldo-freddi”, sí perché questo budino, che trovo orginale, si cuoce a 180° e si consuma freddo. Di consistenza densa e quasi “pannosa” porta con sé il gusto esotico della cannella, il dolce-amaro della buccia d’arancia candita, e il color oro di una torta.
Perciò, cari amici, ecco a voi una ricetta d’estate che potrete presentare con orgoglio ai vostri amici invitati a pranzo. Continua a leggere