Gugelhupf, in primo piano una Microimpresa domestica alimentare originale

Elisabeth Muss

A proposito di una varietà di prodotti legalmente preparati nella cucina domestica che vanno ad arricchire l’offerta di mercato, “Gugelhupf”, Microimpresa domestica alimentare di Elisabeth Muss, prepara Torte e dolci della tradizione austriaca, a San Giorgio di Piano (BO). Certamente una produzione originale, poco o nulla conosciuta in Italia, ma molto interessante per capire anche come s’incrociano le storie e le tradizioni famigliari di diverse nazioni europee.

Elisabeth nell’intervista che segue ci racconta com’è nata la sua idea e perché ha tentato questa avventura imprenditoriale.

Come mai è arrivata a pensare di avviare una microimpresa domestica nel settore alimentare, nonostante sappiamo che non sia così semplice in Italia?

Onestamente non ricordo quando e come sono inciampata, vagabondando su internet, nel link di Cucina Nostra. Era l’anno 2016. Ho salvato il link perché volevo approfondire le esperienze dei microimprenditori che già avevano aperto in Italia. Da quel momento ha iniziato a germogliare un’idea imprenditoriale dentro di me e non ha smesso di crescere. Il fatto che non sia semplice avviare una microimpresa domestica nel settore alimentare non mi spaventava. Ho trovato in Cucina Nostra persone molto competenti e concrete che mi hanno fornito gli strumenti per portare avanti il mio progetto. Poi, a me piacciono le sfide!

Che cosa si porta delle pregresse esperienze lavorative in questo suo nuovo progetto imprenditoriale? Ossia quali abilità, consapevolezze, esperienze passate, le sono state utili per cominciare con questo nuovo lavoro?

Karotten-Nuss-Torte

Le basi del mestiere le ho imparate a scuola. Ho fatto un liceo che prevedeva nel programma di studio due anni di cucina e a 17 anni ho fatto l’esame di maturità in Cucina. Per tanti anni questo sapere è stato utilizzato soltanto per fare dolci in casa o per gli amici. Gli studi di Economia Internazionale mi hanno portato a ricoprire la posizione di Export Manager in un paio di aziende bolognesi. All’università e in azienda ho imparato tutti gli altri mestieri che servono a un microimprenditore: oltre a pasticciere sono ragioniere, controllo di gestione, webmaster, grafico, PR, responsabile marketing e vendite, ufficio acquisti, magazziniere e addetto alla logistica.

Cosa trova di gratificante nel mettere su un’attività in proprio che ha a che fare con il cibo fatto in casa per nutrire gli altri?

Apfelstrudel Gus

Io voglio far viaggiare la gente mangiando i miei dolci. Il sapore della cannella nello strudel ricorda le vacanze in montagna. L’odore della torta al cioccolato evoca il tepore di un caffè viennese dove sei entrato anni fa mentre fuori pioveva a dirotto. I miei biscottini di Natale fanno pensare a un mercatino di Natale. Anche se non si può sempre andare in vacanza, ogni tanto ci si può concedere lo sfizio di sognarla.

Che cosa si aspetta da questo nuovo lavoro?

Questo nuovo lavoro non è un hobby. Non sono una moglie annoiata che era alla ricerca di un passatempo. Mi aspetto di far crescere la mia attività in modo da riuscire a guadagnare abbastanza per far vivere me e i miei tre figli.

Ha delle paure nell’affrontare questa nuova impresa?

Sì certo. La possibilità che l’attività non funzioni come mi aspetto c’è sempre.

Cosa comporta avviare una microimpresa domestica nel settore alimentare dal punto di vista:

– dei rapporti con la ASL

Io non ho avuto rapporti diretti con l’ASL, solo con il SUAP locale. Il rapporto con i funzionari e dirigenti è stato ottimo. Mi hanno dato informazioni utili, anche se in tempi sbagliati per lo start up della mia attività.

– burocratico,

Ho affidato le attività inerenti all’apertura della partita IVA, dell’iscrizione alla Camera di Commercio, l’apertura della posizione INPS e INAIL alla mia commercialista. Non sarebbe impossibile farlo di persona, ma avrei perso troppo tempo ad imparare a muovermi in quell’ambito.

– organizzativo,

Ci sono molti aspetti organizzativi da considerare, ma niente di così complicato da non riuscire a gestirlo.

– economico/finanziario,

La cucina di Gugelhupf

Io ho dovuto attrezzare un laboratorio separato, perché ho una cucina open space con la quale non avrei potuto assicurare la separazione dei momenti di produzione dalla vita di famiglia. L’investimento economico iniziale è perciò stato importante.

– dei cambiamenti che hai dovuto fare nella sua abitazione?

I cambiamenti nel resto della casa sono stati pochi: l’aggiunta di un mobiletto nel corridoio per i miei indumenti di lavoro, l’installazione di un rubinetto automatico, dispenser per sapone e tovagliette nel bagno.

Che difficoltà ha incontrato per avviare la sua microimpresa domestica? Può segnalare le principali?

Il momento più difficile è stato la scorsa estate. A metà luglio 2017 ero pronta per presentare la comunicazione di inizio attività, quando è arrivato uno stop perentorio dalla Regione Emilia Romagna e dall’ASL: tutte le SCIA presentate ad Agosto sarebbero state respinte perché erano in corso delle modifiche legislative. Ho dovuto aspettare, tornare al SUAP a Settembre e capire se tutto quello che avevo fatto fino a quel momento andava bene o no. Per fortuna la procedura è stata veramente semplificata. Da quest’estate è sufficiente dare una comunicazione di inizio attività.

Come si è organizzata per affrontare queste difficoltà?

Portando pazienza! Ho aspettato di avere la certezza da parte delle autorità locali di poter aprire. Solo dopo ho ordinato le attrezzature per il mio laboratorio, ho aspettato il tempo di consegna, ho aspettato che i vari artigiani facessero i collegamenti necessari. Un ritardo di 2 mesi sulla tabella di marcia.

Secondo lei, cosa bisognerebbe fare e chi dovrebbe intervenire per semplificare l’avvio e l’affermarsi di questo tipo di attività domestica, dal punto di vista burocratico, della sostenibilità dei costi, del mercato?

Durante una mia lunga chiacchierata con la dirigente del SUAP locale ho scoperto che esiste un servizio di supporto gratuito per i nuovi imprenditori. Peccato che non ne fossi a conoscenza. Avrei fatto molto meno fatica. Il problema della pubblica amministrazione non è la mancanza di servizi per i cittadini, ma la mancata efficacia della comunicazione.

Può presentare la sua microimpresa? Quali alimenti produce, quale il target di clienti a cui si rivolge, com’è organizzata la distribuzione dei suoi prodotti, quali sono le modalità per contattarla e ordinare gli alimenti che produce, altre informazioni che vuole evidenziare/segnalare?

Mi chiamo Elisabeth Muss, sono nata in Austria, non lontano da Salisburgo, in una meravigliosa regione di laghi e montagne. Ho studiato economia internazionale e parlo quattro lingue. Da oltre vent’anni vivo in Italia. Nella mia vita lavorativa mi sono sempre occupata di export di prodotti italiani. Ora ho però deciso di tornare alle origini e all’economia locale, producendo torte austriache in casa.

Le origini della mia idea imprenditoriale sono una nonna che faceva la cuoca presso una famiglia aristocratica di Vienna, la tradizione in famiglia di fare una torta ogni fine settimana da mangiare con il caffè pomeridiano e le lezioni di cucina al liceo. Così ho imparato a fare e ad amare i dolci tradizionali austriaci.

  • Rosinengugelhupf

La mia Microimpresa Domestica Alimentare produce torte, strudel e ciambelle recuperando le ricette di famiglia e della tradizione pasticciera austriaca. Utilizzo prevalentemente prodotti di provenienza locale ed esclusivamente di stagione. I miei clienti sono esercizi commerciali e privati nelle immediate vicinanze. In questo modo posso assicurare prodotti sempre freschi e genuini.

Partita IVA 03633111202
Alimenti prodotti:
Pasticceria dolce della tradizione austriaca www.gugelhupf.it
Email: [email protected]
Telefono: +39 3923745431
Facebook: @torteaustriachefatteincasa 
Instagram: gugelhupf_torte_austriache

Precedente "Ora c'è gluten free" Microimpresa domestica alimentare in primo piano Successivo Come nasce "Fragranti Delizie". La storia raccontata dalla sua titolare Ilaria Barbaro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.