È sostenibile una Microimpresa domestica? Albipesca si racconta a due anni dall’avvio

 

“Albipesca” nasce nel mese di aprile 2016. Angela Bassi, la sua titolare, ha già fatto un bel po’ di strada con la sua attività d’impresa e oggi ci può raccontare com’è andata in tutto questo tempo e quali sono le prospettive che lei intravvede per lo sviluppo della sua Microimpresa. Con la sua testimonianza ci aiuta a rispondere a quella domanda che in molti pongono: è sostenibile una produzione di alimenti fatti in casa?

Sono passati circa due anni dalla nascita della tua microimpresa domestica alimentare. Ci puoi raccontare brevemente cosa è cambiato in generale nella tua vita da quando hai aperto la tua attività?

Praticamente direi tutto…! La gestione della microimpresa richiede molto tempo…quindi tutto ciò che non ne fa parte passa in “secondo piano”.

Le teorie economiche sulle imprese sostengono che per i primi tre anni dall’avvio l’attività sarà “in perdita”, ovvero ciò che si ricava va soprattutto per coprire le spese d’investimento e i costi di gestione. Solo dal terzo anno in poi si può ipotizzare un guadagno. Con la tua microimpresa com’è andata dal punto di vista della sostenibilità economico-finanziaria?

Esattamente! I primi due anni sono serviti a coprire costi di gestione in generale…ora che è iniziato il terzo anno  vorrei che la mia attività vada con le “sue gambe”..e riuscire finalmente a realizzare un utile.

Come valuti oggi, dopo due anni, lo sviluppo del mercato per i tuoi prodotti? Quali difficoltà hai incontrato nel far apprezzare le tue produzioni, visto che stiamo parlando di “alimenti fatti in casa”, prodotti nuovi sul mercato alimentare? Quali iniziative hai preso per far conoscere la tua microimpresa e la tua produzione?

Albipesca ai mercatini
Albipesca ai mercatini

Tutto sommato devo dire che il mio prodotto dal punto di vista “fatto in casa” è sempre stato apprezzato anche se più di una volta, partecipando a mercatini, mi hanno definita un’hobbista! Ecco per farmi conoscere partecipo anche a fiere e mercatini.

Chi sono i tuoi clienti, che tipo di persone si rivolgono a te per acquistare i tuoi prodotti?

La maggior parte dei miei clienti sono negozi e botteghe.

Che difficoltà hai incontrato nell’organizzare il tuo lavoro?

Il tempo che non basta mai! Rispetto la stagionalità delle materie prime e quindi è sempre una corsa!

Che difficoltà hai incontrato nella gestione della tua microimpresa (forniture, scadenze fiscali, rapporti con la clientela, ecc.)

Nessuna in particolare, se non quella di arrivare puntuale alle scadenze!

Sappiamo che la “prova del 9” per una microimpresa domestica è l’ispezione igienico-sanitaria da parte dell’ASL competente. Hai già ricevuto un’ispezione da parte dell’autorità sanitaria locale? Sì.

Com’è andata? Bene! Esito positivo da parte dei funzionari.

A distanza di due anni da quando hai iniziato la tua produzione domestica, cosa è cambiato nella tua organizzazione famigliare?

In quel senso non tantissimo se non l’essere un po’ più elastici negli orari dei pasti soprattutto serali, lavorando in cucina, per il resto ho figli grandi praticamente adulti e questo mi aiuta.

Cosa ti servirebbe oggi per far crescere la tua attività?

Non voglio essere ripetitiva: il tempo non basta mai! Questo mi servirebbe per aumentare il volume di produzione, dedicare più attenzione ad altri aspetti…

Se dovessi tornare indietro, rifaresti questa scelta?

Assolutamente sì!!!! E’ un sogno che con CUCINA NOSTRA ed i suoi consulenti si e’ realizzato!

“Albipesca” di Angela Vittoria Bassi

Voghera (PV)

Partita IVA 02626800185
Alimenti prodotti: 
confetture, marmellate e conserve agrodolci (senza olio)
www.albipesca.it
[email protected]
Telefono: +39 3498161477

Precedente "Dolce passione di Alessandro" Microimpresa domestica in primo piano Successivo "Le Chicche di Marisa". Microimpresa alimentare in primo piano

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.